Salta al contenuto principale

Carta dei servizi

Autenticazione di firma per alienazione di beni mobili registrati

A chi è rivolto

A chi necessita di un'autentica di firma per la vendita di un bene mobile registrato. 

Cosa offre

L'art. 7 D.L. n. 223 del 4 luglio 2006 convertito in legge n.248 del 4 agosto 2006 dispone che: "L'autenticazione della sottoscrizione degli atti e delle dichiarazioni aventi ad oggetto l'alienazione dei beni mobili registrati e rimorchi o la costituzione di diritto di garanzia sui medesimi può essere richiesta anche agli uffici comunali e ai titolari degli sportelli telematici dell'automobilistica di cui all'articolo 2 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 19 settembre 2000, n. 358, che sono tenuti a rilasciarla gratuitamente, salvo i previsti diritti di segreteria, nella stessa data della richiesta, salvo motivato diniego".

Quanto costa

Marca da bollo di Stato + spese d’ufficio

Responsabile

Vilma Viarengo
tel. 010 5576815
e-mail toponomastica@comune.genova.it
PEC: anagrafecomge@postecert.it

Standard di qualità

Tempestività

Indicatore
Valore garantito
Risultati raggiunti anno precedente
Tempo di autenticazione
Immediato
100%

Azioni di miglioramento in corso

L’organizzazione persegue il miglioramento continuo dell’efficacia e dell’efficienza dei propri servizi a beneficio di tutte le parti interessate.

Nel rispetto di questo principio sono avviate per l’anno 2024 le seguenti azioni di miglioramento:

  1. Incentivare, tramite idonei strumenti di comunicazione, la presentazione delle domande di iscrizione all'Albo Scrutatori, Presidenti e Giudici Popolari tramite strumenti informatici con l'obiettivo di ridurre la presentazione di domande cartacee a non oltre il 30% del totale;
  2. Incentivare, potenziando ulteriormente gli strumenti di comunicazione, l’inserimento sul proprio fascicolo digitale dell’IBAN, ai fini del pagamento del compenso per l’attività prestata presso i seggi in qualità di Scrutatore, Segretario o Presidente, senza che sia più necessario per il cittadino recarsi personalmente per il ritiro presso le filiali bancarie. Percentuale auspicata 60%;
  3. Incentivare l’accesso ai servizi anagrafici erogabili on line attraverso l’utilizzo di informazioni utili e semplificate reperibili sul sito istituzionale;
  4. Promuovere l’accesso ai servizi anagrafici erogabili in presenza, attraverso appuntamenti tramite l’agenda digitale, mediante idonea campagna comunicativa;
  5. Consolidare, attraverso la stipula di convenzioni con soggetti terzi, i punti di erogazione dei certificati on line dedicati a persone impossibilitate a richiederli personalmente;
  6. Offrire la possibilità di richiesta certificazioni on line per tutti i comuni italiani subentrati in ANPR attraverso nuovo portale;
  7. Mantenimento del progetto “Cittadini si nasce” grazie al quale i neogenitori possono ottenere l’attribuzione del Codice Fiscale al neonato direttamente presso gli ospedali, con conseguente possibilità di scegliere il pediatra;
  8. Continuazione di soluzioni semplificative per l’attività di digitalizzazione delle pratiche anagrafiche acquisite on line;
  9. Incremento del database di stato civile attraverso l’inserimento digitale degli atti al fine di garantire l’ampliamento della certificazione on line di stato civile;
  10. Continuazione dell’analisi e successiva dismissione parziale dell’archivio cartaceo Elettorale;
  11. Ricerca ed ampliamento dei partner esterni per l’erogazione dei certificati ed altri servizi demografici on line attraverso stipula di apposite convenzioni,
  12. Mantenimento dell’Agenda Digitale, strumento attraverso il quale è possibile prenotare 14 servizi per i quali è richiesta la presenza. L’accesso su appuntamento consente al cittadino un notevole risparmio di tempo, garantendo un servizio senza code e in piena sicurezza;
  13. Consolidamento dell’azione di semplificazione e velocizzazione delle modalità di redazione e rilascio degli atti di stato civile;
  14. Utilizzo dell’app IO per servizio informativo agli utenti;
  15. Migliorare l’accessibilità dei servizi demografici.